Ordo Fratrum Minorum Capuccinorum

Log in
updated 6:48 AM UTC, Oct 22, 2021

Letters of the General Minister 1970-1982

Fr. Pasquale (Corrado) Rywalski

Pere Pascal RywalskiHe was born in Lens (Valais) on October 2, 1911. Although of Swiss nationality and upbringing, one can see from his surname that he was of Polish descent. From Switzerland he seems to have adopted a free, open and pure disposition like the surrounding mountains; whereas from his Polish origins, he inherited a firm and tenacious spirit in the face of difficulties. All in all, he was a serene and committed man, who exuded a joyful vision of life. He entered the Capuchin Order in the Swiss province at age 19, was invested with the habit on September 13, 1930 and professed temporary vows on 14 September 1931, on the feast of the Exaltation of the Holy Cross. He was ordained a priest on July 4, 1937. During the years 1938-43, he attended the University of Fribourg, Switzerland, where he obtained a licentiate degree in speculative philosophy and a degree in literature. There he was recipient of a special gift: he had as a professor and spiritual mentor Ilarino Felder – author of, among other things, Die Ideal des hl. Franziskus von Assisi, Paderbon 1923, translated into Italian and nearly every other language in western culture; from this he drew much of his robust human, Christian and Franciscan formation. In the years 1943-51, he taught at Stans – the great Swiss center for education; then for about 9 years, at the invitation of the priests in the respective parishes around Geneva, he exercised a kind of novel Franciscan apostolate: knocking from door to door as a "preacher of peace" and presenting to the poorest and most marginalized a message of evangelical life in a typically Capuchin Franciscan style. In 1963 he was appointed superior of the great fraternity of Fribourg; in 1966 he was elected provincial minister of his thriving Swiss province; and in 1969 he was reconfirmed to the same service of authority, until on July 4, 1970 he was elected Minister General of the Order for a six-year term 1970-1976 and then re-elected for another six-years 1976-1982. He died in the small Swiss town of Sion on January 8, 2002.

Copertina“Lettere ai suoi frati”

Dalla presentazione:

La presidenza della Conferenza Italiana dei Superiori Provinciali Cappuccini, stimolata dal particolare interessamento dei superiori della provincia Romana, ha recepito il desiderio di molti fratelli di avere in un solo volume le lettere che il Ministro generale Pasquale Rywalski è andato scrivendo ai suoi frati durante due sessenni (1970-76 e 1976-82). Ne ha quindi affidato la cura a p. Carlo Belli, da lunghissimi anni solerte segretario della provincia di Roma. Per l'edizione, egli si è rivolto a L'Italia Francescana, rivista della CispCap. Questa ha particolarmente gradito l'incarico, non soltanto perché è un servizio doveroso verso i fratelli, ma anche, e soprattutto, perché le Lettere ai suoi frati del Ministro generale non solo non sono qualcosa di aulico ed autoelogiativo, né disposizioni giuridiche o lettere curiali ufficializzate, ma rappresentano l'espressione più semplice del servizio dell'autorità, costituito da una collana di messaggi fraterni che sono, e vogliono essere, l'attuazione del servizio pastorale di visitare, ammonire e correggere caritativamente i frati, come s. Francesco richiede dai « ministri e servi degli altri frati» (Rb X). E' ovvio, allora, che ci siamo impegnati volentieri alla pubblicazione delle Lettere ai suoi frati: culturalmente, il loro scopo è anche lo scopo primo ed ultimo - e diremmo il principale, se non l'unico - della nostra rivista. L'attuale direzione, anzi, accetta questa pubblicazione come una benedizione di Dio e come un richiamo esplicito ad attuare il suo compito di animatrice della formazione francescana in Italia mediante la cultura. Questo ha inteso fare fr. Pasquale Rywalski: educare uomini di fede, condurli ad essere persone di preghiera; incitarli ad essere testimoni vivi del carisma francescano; impegnarli ad essere poveri in spirito e avvocati dei poveri; a dire al Signore «grazie» che mi hai creato, mi hai chiamato, mi hai messo in mezzo a tante cose belle, mi hai donato <<magnifici» fratelli. Dunque: andiamo avanti; cominciamo a vivere, a crescere, a santificarci. (…)

Grazie, caro fratello Ministro Generale! Hai espletato il tuo servizio di autorità tutto dedito a farci crescere nell'essere cappuccini ottimisti e generosi. I tuoi messaggi sono un dono ed un impulso ad un rinnovamento costante come il battito del cuore; le tue Lettere sono per tutti i frati il documento della tua paternità fraterna. Tu hai detto «grazie» a tutti. Oggi tutti dicono «grazie» a te. E, con te, al buon Dio che ti ha donato ai fratelli: Deo gratias.

Corrado Gneo

SCARICA

Scarica il libro – PDF: “Lettere ai suoi frati” 1970-1982 (145 MB)

 

 

Lettere di fr. Pasquale Rywalski OFMCap

Ministro Generale 1970 – 1982

  1. Bisogna passare ai fatti.
  2. Chi vuol essere un uomo di fede e di coraggio?
  3. Il più grande distruttore della vita religiosa.
  4. Rinnovamento e genuina osservanza della Regola.
  5. Un affresco meraviglioso ma deturpato: la preghiera.
  6. Servire il Signore con radicalità evangelica.
  7. La grazia di pregare.
  8. Artefici di pace.
  9. Dove va l'Ordine?
  10. Credibilità della S. Congregazione dei religiosi.
  11. Il ricambio: motivi di speranza.
  12. Anno Santo.
  13. Riscoprire la Regola di s. Francesco.
  14. La dimensione missionaria dell'Ordine oggi.
  15. La conversione.
  16. Lo Spirito rinnovatore.
  17. La promozione delle vocazioni all'Ordine.
  18. Pagina nuova nella storia dell'Ordine.
  19. Studio attento e docile della parola del Papa.
  20. La Madre di Dio prima evangelizzatrice del mondo.
  21. Fanne l'esperienza.
  22. La nostra identità.
  23. I cappuccini dell'America del Nord.
  24. Se mai sparisse.
  25. Casti alla sequela di Cristo.
  26. Perseverate nella disciplina, e nella santa obbedienza.
  27. Verso un nuovo anno di grazia!
  28. Priorità all'essenziale (Beatificazione di p. Leopoldo da Castelnovo).
  29. Lo Spirito Santo nostra speranza.
  30. Perché il mondo creda.
  31. Auguri natalizi.
  32. La vocazione religiosa e sacerdotale è un dono di Dio.
  33. Addio al sessennio 1970-'76 o «invito alla speranza».
  34. L'unione spirituale con le Monache cappuccine.
  35. Fedeltà alla meditazione.
  36. L'apostolato del cappuccino.
  37. La nostra formazione oggi.
  38. « Perché portiate frutto e il vostro frutto rimanga ».
  39. Auguri per le feste natalizie.
  40. Che fanno i tuoi fratelli al mondo?
  41. Su la formazione permanente.
  42. Apostolato continuo.
  43. 1528-1978: ieri e oggi.
  44. La gerarchia del nostro tempo.
  45. Cammino missionario.
  46. « Metterò in voi uno spirito nuovo ».
  47. Del più e del meno.
  48. Pregare insieme.
  49. « Andate anche voi 1a lavorare nella mia vigna ».
  50. Le missioni nel pensiero e nell'opera del card. G. Massaja.
  51. La «creatività» di Dio, la nostra « creatività ».
  52. « Come potete credere voi che ... »
  53. Chi sei tu? Che dici di te stesso? (I)
  54. La devozione alla Madonna.
  55. Chi sei tu? Che dici di te stesso? (II)
  56. A tutti i miei fratelli che sono nel Madagascar.
  57. Chi sei tu ? Che dici di te stesso? (III)
  58. Buon Nata1e a tutti i religiosi.
  59. Chi sei tu? Che dici di te stesso? (IV)
  60. Quarto Consiglio Plenario dell'Ordine.
  61. Il pane di Dio.
  62. Una felice iniziativa.
  63. Buon Natale.
  64. Una gioia immensa: la canonizzazione del b. Crispino da Viterbo.
  65. Le Missioni tradizionali sono insostituibili.
  66. Aprirsi, realizzarsi.
  67. L'apostolato francescano oggi.
  68. Vita e attività dei frati missionari.
  69. L'Istituto Storico del nostro Ordine nel cinquantennio della fondazione.
  70. « Questi è il mio Figlio diletto: ascoltatelo »
  71. Preghiera e croce.