Ordo Fratrum Minorum Capuccinorum

Log in
updated 4:13 PM CEST, May 21, 2019

Incontro dei responsabili del lavoro missionario

Incontro dei responsabili del lavoro missionario

29 aprile - 3 maggio 2019

Roma. In un’atmosfera aperta e piacevole la maggior parte dei responsabili del lavoro missionario delle diverse province della CENOC hanno tenuto il suo sesto incontro annuale nella Curia Generale dei Cappuccini. All’incontro hanno partecipato: fr. Othmar Noggeler (Germania), Fr. Christoph Kurzok (Austria e Sud Tirolo), Fr. Luc Vansina (Belgio), Fr. Aklilu Petros da parte della Curia Generale; Fr. Aloys Voide, Daniel Hug (organizzazione) e Beat Baumgartner (tutt’e tre della Svizzera), Fr. Kieran Shorten e Fr. Patrick Flyn (Olanda), Fr. Philip Cutajar (Malta), Fr. Dominique Savenier e Fr. Jonson Savarimuthu (Francia) e Fr. Fernando Ventura (come traduttore, Portogallo).

L’incontro si è in primo luogo concentrato sul tema in corso dell’incontro di san Francesco con il sultano Malik al-Kamil, nella città portuale di Damietta in Egitto, 800 anni fa. Fr. Ben Ayodi della Curia ha tenuto un lungo discorso su questo incontro, che è visto come l’origine del dialogo islamo-cristiano. Per approfondire il tema i partecipanti della CENOC hanno avuto la possibilità di assistere alla proiezione del film “il sultano e il santo”, che racconta la storia da un punto di vista più specificamente musulmano.

Tutti i partecipanti della CENOC sono rimasti vivamente colpiti dalla testimonianza autobiografica di Mohamed El Bachiri, che perse la moglie nell’attacco terroristico del 22 marzo 2016 alla stazione della metropolitana di Maalbeek a Bruxelles. Mohamed El Bachiri ha scritto un libretto sulla sua terribile esperienza, intitolato “A jihad of love” (una jihad di amore, NdT), nel quale spiega che né la vendetta né la ritorsione possono promuovere libertà e giustizia tra religioni e gruppi etnici, ma solo il lavoro della libertà.

Mohamed El Bachiri è stato invitato all’incontro della CENOC da fr. Luc Vansina ed è stato lui, insieme a Barbara Merrens e a Srijin Vemae del movimento francescano laico del Belgio, a proporre il progetto assai interessante denominato “Invito ad una preghiera comune” con molteplici attività il 4 Ottobre 2019. Questo progetto infatti non prevede soltanto una preghiera comune per la pace delle varie religioni, ma anche il suono delle campane ciascuno nella propria diocesi. Il progetto è stato accolto molto bene dai partecipanti della CENOC, che hanno promesso di supportarlo al meglio delle loro possibilità nelle proprie province.

Giovedì mattina il nuovo Ministro Generale dei Cappuccini, fr. Roberto Genuin, si è unito al gruppo per sottolineare l’importanza della missione ai giorni nostri. La missione non è solo una faccenda di soldi, ha detto Genuin, nel nostro mondo secolare dobbiamo pensare in altri termini rispetto al passato. C’è uno spostamento dal nord al centro e dal clero ai laici.

L’assemblea ha anche esaminato i prgetti finanziari e di solidarietà della Curia; le informazioni sono state presentate da fr. Aklilu Petros della Curia e in seguito i rappresentanti delle diverse province cappuccine hanno condiviso le relazioni annuali sulle loro attività missionarie. Nella successiva sessione i partecipanti hanno discusso sul tema: qual è il nostro obiettivo per il futuro? E per ultimo (non per importanza): siamo pronti a lavorare con i laici?

Alla fine tutti i partecipanti all’incontro CENOC hanno espresso la convinzione che sia importante continuare questi incontri per il futuro.