Ordo Fratrum Minorum Capuccinorum

Log in
updated 2:18 PM CEST, Aug 11, 2020

Oggi è iniziato l’85° Capitolo Generale

In evidenza Oggi è iniziato l’85° Capitolo Generale

Roma (Collegio San Lorenzo da Brindisi), 27 agosto 2018. Finalmente il giorno del Capitolo è arrivato! I 188 Capitolari, in rappresentanza di tutte le circoscrizioni dell’Ordine, e i 48 ufficiali sono puntualmente arrivati e oggi, lunedì 27 agosto, alle ore 9.00, gremiscono la grande e bella Cappella del Collegio per la celebrazione dell’Eucaristia. Presiede la solenne Concelebrazione Fra Andrés Stanovnik, cappuccino, arcivescovo di Corrientes in Argentina. Nella sua Omelia, il Vescovo ha ricordato ai Capitolari “l’asse centrale intorno al quale dovrebbe muoversi il cuore dei frati” e cioè, come scrive San Francesco nella Regola non Bollata, “trattare delle cose che riguardano Dio”, vale a dire quelle cose che ispirano i fratelli a “vivere nel mondo la vita evangelica in verità, semplicità e letizia” (Cost. 147, 2). Mons. Stanovnik per spiegare meglio il suo pensiero cita San Bonaventura, che scrive così nel suo Itinerarium: “Dobbiamo abbandonare ogni speculazione di ordine intellettuale e concentrare in Dio tutte le nostre aspirazioni. Questo è qualcosa di misterioso e segreto, e lo può conoscere solo chi lo riceve, e non lo riceve se non chi lo desidera, e non lo desidera se non colui che è infiammato nel suo intimo dal fuoco dello Spirito Santo, che Cristo ha inviato sulla terra. Per questo, l'Apostolo dice che questa misteriosa saggezza è rivelata dallo Spirito Santo". Ecco perché tutti noi siamo chiamati all’adorazione, alla contemplazione, alla preghiera.

Infine Mons. Andrés ricorda che la chiave del rinnovamento della nostra forma di vita oggi nella Chiesa e nel mondo è la misericordia: “Quella misericordia che abbiamo sperimentato quando il Signore ci ha dato, come nel suo tempo a Francesco d'Assisi, di iniziare una vita di penitenza e poi di essere condotti tra i lebbrosi, di praticare la misericordia con loro, non come un dovere, ma come un debito che non possiamo mai pagare, poiché noi stessi siamo stati raggiunti dall'infinita misericordia del Padre.”

Alla fine della sua Omelia il Vescovo ha raccomandato ai frati capitolari di affidarsi alla Vergine Maria, nostra Madre e Avvocata, perché ottenga all’Ordine la Grazia di avere un buon Ministro, che guidi i fratelli con misericordia e saggezza.

Fotogalleria:

Video:

Ultima modifica il Lunedì, 27 Agosto 2018 18:06