Ordo Fratrum Minorum Capuccinorum

Log in
updated 6:22 AM CEST, Aug 6, 2020

Un mondo di sigle

In evidenza Un mondo di sigle

Roma, 30 agosto. Il Capitolo Generale dei Cappuccini, giunto al quarto giorno dei suoi lavori, è entrato oggi in una nuova fase, essendo previsto dal programma dei lavori il dibattito al mattino sulla relazione del Ministro Generale uscente, Mauro Jöhri, e al pomeriggio sulla relazione dell’Economo Generale, Alejandro Nuñes. Gli interventi sono previsti sia per ceti sia personali. Cosa sono i ceti? Sono dei raggruppamenti che si formano nell’assemblea capitolare in base alla lingua o all’area geografica di appartenenza o alla conferenza cui le circoscrizioni fanno riferimento. Questi ceti solitamente sono contrassegnati da una sigla: ASMEN, CCA, CCB, CCMSI, CECOC, CENOC, CIC, CIMPCap, CONCAM, CONCAO, EACC, NAPCC e PACC. Ognuna di tali sigle ha un significato ed è riconducibile a un’area geografica precisa. E dunque sulle due relazioni presentate ogni gruppo ha fatto le sue riflessioni al suo interno e poi il segretario del ceto ha riferito sinteticamente in assemblea su quanto è stato detto nel gruppo. Successivamente, dopo gli interventi dei ceti, si sono avuti gli interventi a carattere personale, cioè ciascuno dei presenti poteva prendere la parola in aula per esprimere le sue riflessioni o formulare le sue valutazioni sulle relazioni presentate.

Gli interventi sono stati in linea di massima positivi: il testo della relazione è apparso a tutti equilibrato e sereno, ricco di riflessioni e aperto al futuro. I temi sui quali si è soffermato prevalentemente il dibattito: le istituzioni culturali (la sede del Collegio Internazionale “San Lorenzo da Brindisi”, l’Istituto Storico e l’Istituto Francescano di Spiritualità, la Biblioteca centrale e la creazione dell’Università Francescana), le numerose case dipendenti dal Ministro generale, l’attuale espansione dell’Ordine in alcune aree geografiche e il suo ridimensionamento in altre aree, soprattutto occidentali. Chiaramente gli interventi avevano ciascuno sfumature e accenti diversi a seconda della provenienza e della prospettiva di ognuno. Un dibattito comunque sempre sereno e costruttivo, pacifico e aperto all’ascolto.

Video 2018.08.30.

Fotogaleria 2018.08.30.

Ultima modifica il Venerdì, 31 Agosto 2018 09:42