Ordo Fratrum Minorum Capuccinorum

Log in
aktualizacja 6:48 AM UTC, Oct 22, 2021

Il suo amore per noi non conosce limiti

Il suo amore per noi non conosce limiti

fra Patrick McSherry, OFM Cap

Ricorda la domanda di Gesù: “Il Figlio dell’uomo, quando verrà, troverà la fede sulla terra?” (Lc 18:8)

A mio parere, la sfida più grande che la chiesa deve affrontare oggi non proviene da forze esterne, come la secolarizzazione. La crisi più grande viene dall’interno, ed è ancorata non nell’istituzione, non nei dogmi, non nelle discipline, nemmeno nelle nostre azioni, ma più nel profondo di noi, nelle nostre profondità c’è un vuoto. Cerchiamo di riempire quel vuoto con ogni sorta di sostituti, anche religiosi, ma niente lo soddisferà tranne la cosa reale.

Predichiamo che Dio è amore, ma abbiamo anche svuotato il termine “amore” da ogni significato reale, sia amore di Dio che amore del prossimo. Come molti dei primi discepoli, il nostro primo fervore fu di breve durata. Gesù non è in vista, è un ricordo, lo ricorderò sempre, ma ora torniamo a casa e torniamo agli affari della vita, come al solito.

Quel vuoto, quel desiderio di cui parlo è quella piccola voce quasi impercettibile che di tanto in tanto dice a ciascuno di noi: “I nostri cuori non bruciavano dentro di noi ...” Siamo diventati tiepidi, se non freddi.

Abbiamo ripulito Dio e l’abbiamo fatto sembrare rispettabile. Non vediamo più la connessione tra amore e passione. Ci nascondiamo dietro un linguaggio religioso sicuro, in modo da evitare una vera relazione personale con Gesù Signore. Diciamo che Dio è amore ... come se fosse una virtù teologale, una categoria filosofica, quando infatti la croce punta alla profondità dell’amore di Dio per te e per me, che è niente di meno che appassionato, tutto consumante. Dio ci vuole con desiderio. Se fosse un’altra persona arrossiremmo per l’imbarazzo.

Se sei mai stato innamorato conosci i segni. Sei così attratto da un’altra persona che vorresti avere quella persona per te, vuoi stare con loro, ti piace la loro compagnia, non vedi l’ora di rivederla, parli e ridi insieme, ricordate le cose dal passato che avete condiviso in comune e guardate avanti e anche progettate insieme le cose per il futuro. L’amore cattura il tuo cuore, scorre nel tuo sangue, ti possiede e divora. Mandi piccoli segnali che stai pensando a quella persona per tutta la giornata. Fai ancora i tuoi affari, ma il tuo ritmo è un po’più veloce, il tuo sorriso si illumina un po’ più luminoso.

A volte ci comportiamo come se ci piacesse Dio, come se Dio fosse simile a un buon libro, o un film, forse un pezzo di caramella e niente di più; ma una relazione basata sull’apprezzamento di qualcuno, riduce Dio a un semplice conoscente, un amico di passaggio, qualcuno che potresti essere contento di aver incontrato ma di cui potresti facilmente vivere senza.

La morte e risurrezione del Signore è chiamata la sua passione non perché la passione implichi la sofferenza, ma perché il suo amore per noi non conosce limiti, è un amore appassionato, un amore che va all’estremo per dimostrarlo. E poiché Dio ci ama appassionatamente, anche il nostro amore per Dio deve essere appassionato.

Dobbiamo reclamare il nostro battesimo. L’amore non è una virtù teologale, l’amore è una realtà viva tra due persone viventi. È un amore divorante, brucia intensamente. La preghiera non è qualcosa che devi fare o che puoi fare da un libro.

La preghiera è essere trasparenti per chi ami. Gli scrittori spirituali hanno classificato erroneamente diversi livelli di meditazione, riservando il più alto (unione con Dio) ai mistici. Chiedi a qualsiasi coppia innamorata se sentire di essere tutt’uno con la persona che ami è riservato solo a pochi.

Ti fermi mai dopo che è accaduto qualcosa di edificante e sorprendente e rivolgi i tuoi pensieri a Dio e con un sorriso dici: “So che eri tu, amore”. Ti capita mai di fare una pausa nel mezzo della tua giornata, non per dire la preghiera di mezzogiorno, ma solo per dire come un post-it, “Sto pensando a te, tesoro”. Ti capita mai di fare solo qualche piccolo gesto e dire: “Questo è per te. Ti amo.” Questi sono i segni rivelatori dell’amore appassionato. Non basta dire a Dio: Ti voglio bene, neppure ti voglio tanto bene, ma solo: ti amo.

Ma l’amore appassionato non dura a meno che non lo nutri. Ogni giorno Gesù dice a voi e a me: toccami, e guarda di persona.

Ci sono due cose in particolare durante il periodo pasquale che ci vengono ricordate. In primo luogo, e lo sentiamo più e più volte con il discorso di Pietro.

Alla Pentecoste, Pietro e gli apostoli erano davanti a una grande folla e Pietro parlò. Quello che ha detto è stato molto potente: avete ucciso Gesù di Nazareth. Dio lo ha risuscitato. Questo è il messaggio centrale della nostra fede.

Ora, quella folla era certamente composta da persone diverse da quelle che inchiodarono fisicamente Gesù alla croce. Non facevano tutti parte della folla che gridava: Crocifiggilo! Eppure Pietro dice molto esplicitamente: avete ucciso Gesù.

Quando hanno sentito quelle parole, hanno chiesto: Cosa possiamo fare? A cui Pietro ha detto: Pentitevi.

Ciò che è della massima importanza è rendersi conto che la nostra fede non è basata sul fatto che Gesù morì per i peccati in qualche modo generico. Ricordate quando Davide disse a Natan: “Per la vita del Signore, chi ha fatto questo merita la morte.” E Nathan si rivolse subito a Davide e disse: Tu sei quell’uomo! (2 Sm 12:7). Quelle stesse parole sono dette a ciascuno di noi: tu hai ucciso Gesù, ma Dio lo ha risuscitato. La reazione della folla a Pentecoste non è stata quella di vestirsi di sacco e di cenere, ma di essere battezzata e di diffondere con gioia la buona notizia.

Quando ci rendiamo conto di quanto un’altra persona ci ama, fino a che punto l’altra persona si è spenta per noi, era piena di passione per noi, diciamo: l’hai fatto per me? E Dio dice, sì, e lo rifarei, anche se fosse solo per te. La nostra passione per Dio è una risposta alla passione di Dio per noi.

Nessuno dei discepoli di Gerusalemme si aspettava di incontrare Gesù risorto quando apparve loro. E quando l’avesse fatto, avrebbero preferito se fosse stato un fantasma. Perché? Perché lo avevano ucciso ... lo hanno abbandonato, lo hanno negato, erano imbarazzati per come lo trattavano.

Hai ucciso Gesù di Nazaret e Dio lo ha risuscitato. Questo dovrebbe riempirci di un profondo senso di gratitudine. Qualcuno ha salvato non solo la tua anima, ma anche il tuo sedere. Cioè, ci ha insegnato non solo come morire, ma come vivere.

In secondo luogo, ci insegna a dare ciò che noi stessi abbiamo ricevuto. Gesù rende molto chiaro che qualunque cosa abbiamo fatto a qualcun altro, l’abbiamo fatto a lui. Gesù non chiede le nostre lacrime, né più preghiere, né penitenze, né facce tristi, né rimorsi, chiede la nostra passione, ci chiede di essere come lui. Permettiamoci di essere attirati, commossi, attratti dalla passione di Dio e di rispondere con la nostra passione per Dio. Fratelli, viviamo nel debito di qualcuno. Cantiamo il nostro Alleluia per ciò che Dio ha fatto per amore nostro. Quando rispondiamo alla sua passione con la nostra passione, è l’intera schiera di angeli e santi che cantano in risposta a noi: Alleluia davvero!